Plant Miami

Plant Miami

Architetto
Rene Gonzalez Architects
Posizione
Miami, Florida, USA | View Map
Anno Progetto
2016
Categoria
Ristoranti
Michael Stavaridis
Scheda Tecnica Prodotto

ElementoMarchioProduct Name
Dining ChairsPaola Lenti Srl
Teatime armchair
Cushion FabricKvadrat Maharam
Steelcut Trio
Custom Light PendantsStickbulb
Pool TileAmerican Glass Mosaics
UmbrellasBrambella
ChairsCasamania Horm

Scheda Tecnica Prodotto
Dining Chairs
Teatime armchair per Paola Lenti Srl
Cushion Fabric
Steelcut Trio per Kvadrat Maharam
Custom Light Pendants
per Stickbulb
Pool Tile
Umbrellas
per Brambella
Chairs

Plant Miami

Rene Gonzalez Architects come Architetti

Contornato da palme reali e bambù, il complesso The Sacred Space Miami è immerso in un piano paesaggistico ordinato che è un'estensione dell'ambiente interno e che servirà come oasi d'ingresso ad un nuovo ristorante, il Plant Miami.  Il giardino esterno funge da elemento integrante, fondendo lo spazio interno ed esterno con una serie di "sale da pranzo" interne ed esterne. A caratterizzare l'area interna del ristorante, un pavimento e un soffitto di bambù si collegheranno a due pareti con pannelli verticali dello stesso materiale intervallati da specchi di bronzo riflettenti. Finestre di vetro da pavimento a soffitto si aprono per fondere completamente questo spazio con l'esterno, estendendosi a un caffè con un ponte di legno ipe stagionato e una palma talipot, la più grande della sua specie e con la foglia più grande del regno vegetale.

photo_credit Michael Stavaridis
Michael Stavaridis

Oltre a presiedere il ristorante Plant Miami, in loco si trova una scuola di cucina, che avrà come obiettivo l'istruzione nella preparazione di una cucina vegana e a base vegetale. Visivamente integrata con la zona pranzo, sia la cucina principale che l'Accademia di insegnamento saranno visibili attraverso una serie di finestre divisorie in vetro.

photo_credit Michael Stavaridis
Michael Stavaridis

Nello spazio esterno, una piscina riflettente allungata funge da elemento centrale e collega due ulteriori aree per sedersi, una caratterizzata dal posizionamento regolare di alberi di guava in vaso e una panchina personalizzata posizionata in diagonale e l'altra uno spazio lounge esterno con una serie di palme collegate da luci. Ognuna di queste "stanze" possiede elementi diversi che contribuiscono all'esperienza multisensoriale di questa serie di spazi interni/esterni. Un santuario tascabile nascosto tra i dintorni industriali della fiorente zona Wynwood della città, The Sacred Space Miami è stato concepito come un ambiente caldo, ma con la flessibilità di essere trasformato per una varietà di usi.

photo_credit Michael Stavaridis
Michael Stavaridis

Qual era il brief?
Sviluppare un ristorante dove le persone potessero osservare e relazionarsi con il cibo che veniva preparato e servito.   Il collegamento con l'esterno era anche molto importante per il nostro cliente.

photo_credit Michael Stavaridis
Michael Stavaridis

Quali sono state le sfide principali?
Sviluppare un progetto all'interno di un business funzionante e all'interno dei concetti in espansione del proprietario.  Il progetto è stato trasformato dagli uffici della sua sede originaria e dallo spazio per gli eventi in un complesso che non solo ospita il ristorante ma anche aree benessere, spazi giardino per lo yoga e la meditazione.  Nel 2015 è iniziata la costruzione dell'espansione dell'azienda di eventi originale e KARLA è ora parte di una serie più grande di edifici e giardino che comprende una nuova entità, The Sacred Space Miami. Fiancheggiato da palme reali e bambù, il complesso è immerso in un piano paesaggistico ordinato che è un'estensione dell'ambiente interno e che ora servirà come oasi d'ingresso ad un nuovo ristorante, Plant Miami. Il giardino esterno serve come elemento integrante, fondendo lo spazio interno ed esterno con una serie di "sale da pranzo" interne ed esterne.

photo_credit Michael Stavaridis
Michael Stavaridis

Quali materiali avete scelto e perché?
A caratterizzare l'area interna del ristorante, un pavimento e un soffitto in quercia tigrata si collegheranno a due pareti che si affacciano con pannelli verticali dello stesso materiale intervallati da uno specchio riflettente in bronzo. Finestre di vetro dal pavimento al soffitto si aprono per fondere completamente questo spazio con l'esterno, estendendosi ad un caffè con un ponte di legno ipe stagionato e una palma talipot, la più grande della sua specie e con il fiore più grande del regno vegetale.  I lampadari personalizzati StickBulb sono stati progettati con un mameycolor personalizzato e i mobili sono stati scelti con cura per riflettere i concetti originali.  Abbiamo scelto materiali che fossero caldi e che ti collegassero all'esterno, all'ambiente tropicale di Miami e alla terra.  Gli specchi erano la chiave per connetterti direttamente all'ambiente esterno mentre gli elementi in legno scuro ti annidavano.

photo_credit Michael Stavaridis
Michael Stavaridis
photo_credit Michael Stavaridis
Michael Stavaridis

Materiale Utilizzato:
AREA DI RISTORAZIONE:
1. Pavimento in legno, soffitto, bar - Plyboo
2. Lampade a sospensione personalizzate - Stickbulb by RUX
3. Sedie - Sedia Raphia, Design: LucidiPevere, Produttore: Casamania
4. Sgabelli - noce
5. Tessuto del cuscino - Steelcut Trio di Kvadrat per Maharam
6. Illuminazione a binario e apparecchi - Litelab
7. Specchio di bronzo - Luminous Glass Distributors
8. Piani bar e tavoli in marmo - Mystery White di Tuscany Stone
9. Scrim - Vinile dorato Basket Weave, Produttore: Kova Textiles

DECK ESTERNO:
1. Piastrelle per piscina - American Glass Mosaics
2. Sedie da pranzo - Teatime, Designer e Produttore: Paola Lenti
3. Ombrelli - Brambella
4. Fioriere - Urban Stoneworks

Read story in EnglishFrançaisEspañolPortuguês and Deutsch

Featured Projects
Latest Products
News