New Lab
Spencer Lowell
Scheda Tecnica Prodotto

ElementoMarchioProduct Name
ProduttoriBartco Lighting
Architectural lightingDomingo Gonzalez Associates
ProduttoriDormakaba
ProduttoriGraham Architectural Products
PLANTSJohn Mini Distinctive Landscapes
ProduttoriKingspan Insulation

Scheda Tecnica Prodotto

New Lab

Macro Sea come Sviluppatori

Macro Sea ha iniziato a lavorare sull'Edificio 128 - che, dopo anni di abbandono, era un corpo abbandonato - nel 2012. Il team si è ispirato alla struttura a traliccio in acciaio simile a una cattedrale e l'ha approcciata come una musa high-tech modernista degli anni '70, una sorta di meraviglia strutturale espressionista. Questo periodo stilistico è piaciuto al team di progettisti per la sua enfasi sull'indeterminatezza, l'ambientalismo e il tecno-ottimismo collaborativo: ha conferito un senso di glamour all'ingegneria, alla scienza e alla tecnologia. Il periodo ha anche fornito una cornice appropriata per chiedersi: come possiamo creare uno spazio di lavoro contemporaneo e stimolante per i designer, i pensatori e gli imprenditori di oggi? In collaborazione con Marvel Architects, Macro Sea ha creato una varietà di spazi di lavoro - uffici, studi privati e loft - con spazi condivisi come salotti, tavoli di lavoro comuni, laboratori di prototipazione avanzata e spazi per riunioni. Il team di architetti ha ideato dei ponti sospesi dalle gru a cavalletto esistenti nell'edificio per creare spazi sociali ed espositivi collegati. I team hanno preso spunto dai dettagli dell'edificio esistente, restaurando e ampliando il linguaggio ereditato dallo spazio. "In qualità di sviluppatori e progettisti dello spazio, siamo stati molto attratti da questa particolare comunità, che è contemporaneamente ai vertici intellettuali e tecnologici e che guarda all'abisso come imprenditori", ha dichiarato David Belt, fondatore di Macro Sea e cofondatore di New Lab. "Volevamo costruire per loro".

photo_credit Spencer Lowell
Spencer Lowell

L'architettura del New Lab è stata deliberatamente mantenuta in bianco e nero per dare spazio a una gamma interdipendente di colori kubrickiani altamente saturi distribuiti attraverso l'arredamento, il paesaggio e le installazioni vegetali. Rifuggendo dalle planimetrie aperte e dai tradizionali cubicoli, nonché dai tipici mobili da ufficio, Macro Sea ha progettato su misura postazioni di lavoro leggere e smontabili con pannelli di lana e legno trapuntati per garantire la privacy sonora e visiva. Spazi appartati per il lavoro individuale o di piccoli gruppi sono intervallati da aree di lavoro comuni e piazze interne su due piani, sottolineando così l'intenzione di Macro Sea di trovare un equilibrio tra la necessità di privacy e i benefici della collaborazione nella progettazione e nella produzione. Rifornendosi di mobili di modernisti del tardo periodo come Gaetano Pesce e Carlo Mollino, Macro Sea ha sviluppato una serie di mobili a cavalletto, tra cui un banco reception con specchio infinito a LED, vetrine espositive per contenuti fisici e digitali e installazioni paesaggistiche verticali. Tutti i mobili personalizzati per il progetto sono stati fabbricati a Brooklyn, in gran parte nello stesso Navy Yard.

photo_credit  Spencer Lowell
Spencer Lowell

"Nel progettare New Lab, abbiamo rifiutato il feticismo industriale, l'iPhone-izzazione e la tecnologia 4.0", ha commentato Nicko Elliott, direttore del design di Macro Sea. "Abbiamo adottato un approccio archeologico al futurismo per creare uno spazio dignitoso che rifletta l'ingegno e l'integrità delle persone che vi lavorano".

photo_credit Spencer Lowell
Spencer Lowell
Caption

Read story in EnglishEspañolFrançaisDeutsch and Português

New Lab

John Mini Distinctive Landscapes come PLANTS

Ispirato dal nostro lavoro con il progetto Lowline, il cliente si è rivolto a noi con l'obiettivo di creare una firma verde dimensionale per il New Lab. La sfida è stata quella di creare un impatto su uno spazio di 85.000 metri quadrati con piante che completassero l'estetica industriale per giustapposizione. La scala colossale dello spazio ha dato l'opportunità all'arte vivente di unire l'esperienza dei visitatori con una spina dorsale organica. Questa identità verde coesa per il New Lab potrebbe anche evolversi nel corso del sito con diverse presentazioni di piante, per diversificare l'esperienza.

Caption

La passione del cliente per le piante e la loro essenza per progettare con successo gli ambienti hanno dato il via a una forte direzione durante la prima collaborazione. Il cliente desiderava un'estetica vegetale che fosse l'antitesi di quella aziendale, quindi è nata una palette di piante selvagge e controllate. Il concetto di traliccio è stato sviluppato per portare queste varietà a foglia larga alle altezze del sito. Il traliccio rappresentava anche un approccio innovativo a una scultura vivente, perché poteva ospitare una profondità di diversi metri in alcuni punti e mettere in mostra diverse varietà di piante. Inoltre, alcuni strati potevano essere lasciati senza piante per mettere in risalto l'architettura del traliccio e permettere ai rampicanti di abbracciarlo e di incorniciare le finestre sul traliccio e sulle sue profondità lussureggianti.

Caption

L'introduzione drammatica e verde che il traliccio offre al New Lab richiedeva gesti audaci per continuare l'aspetto in tutto il sito. Sfruttando l'abbondanza di luce dell'area di accoglienza, è stata creata una stanza della giungla per invogliare i visitatori a entrare nell'emozionante laboratorio tecnologico. Il ponte che collega il sito è stato il punto focale ideale per creare un merletto con il lux della giungla e continuare la firma verde come una vite che cresce attraverso lo spazio.

Caption

Questo concetto ha ispirato il secondo traliccio, che sarebbe stato caratterizzato solo da viti. Proprio come una rovina urbana o la vicina Admiral's Row, alla fine diventerà una massa di viti che nasconde l'architettura sottostante, raccontando la storia della natura contro la cultura. Al contrario, il terzo cavalletto avrebbe solo alcune piante selezionate che pendono in modo indipendente per evidenziare le loro caratteristiche uniche. Questo gabinetto di curiosità offre una prospettiva diversa sulle piante come tesori e delizie che affascinano quando vengono esaminate.

Caption

Per realizzare questa meraviglia green è stato necessario rivolgersi ai migliori vivai della Florida. Erano necessarie varietà uniche e inaspettate per migliorare la tavolozza e ricordare all'occhio che al New Lab stanno crescendo nuove idee. Sono state selezionate ed etichettate palme alte 14 piedi per dare l'impatto cerimoniale che la scala colossale del sito richiedeva. Le piante sono state prenotate con mesi di anticipo rispetto all'installazione per garantire la presenza di rampicanti e un portamento rigoglioso al momento dell'installazione. Il risultato è una fusione di cultura e natura, dove il grembo industriale della tecnologia di domani è ammorbidito dalla vite senza tempo del New Lab.

Caption

Read story in EnglishEspañolFrançaisDeutsch and Português

Crediti Progetto
Featured Projects
Latest Products
News